Glocal – FW19

COMUNICATO STAMPA – Gen. 2019

Collection FW19-20: “In.tra.continentale” alias Glocal.

Appartenenza Italiana e slancio globale.

  1. un pensiero positivo, in. un presente fatto di collegamenti e globalizzazione,
  2. profondi legami tra architetture moderne e folklori locali, in. accostamenti cromatici e di tessuti,
  3. un viaggio immaginario dove le distanze non esistono più.

È il collegamento. tra un continente e l’altro, .tra culture differenti, .tra natura e metropoli, .tra colori e materiali.

Sovrapposizioni di tessuti in sintonia con temperature imprevedibili in altrettanti imprevedibili utilizzi di una donna che vive diversi concetti stilistici dettati dalla globalizzazione.

INTERCONTINENTALE è la distanza tra i continenti, IN.TRA.CONTINENTALE è l’assenza della distanza nel rispetto della propria localizzazione

La collezione FW 201920 gioca con i tessuti e le forme come con le parole, l’assenza delle distanze si traduce in un rapporto tra il passato ed il futuro quindi forme di design in materiali tecnici si incontrano con il passato ed ecco che forme futuribili ed architettoniche dai tagli funzionali al fitting incontrano tessuti morbidi e fluidi con disegni e stampe che ricordano rassicuranti tempi passati.

I neri ed i grigi, i non colori, opachi, saturi rappresentano ombre ed architetture macro esposte alle luci contrastanti di un sentire metropolitano.

Le monumentali architetture memorie dei grandi spazi si confrontano, si incontrano e si addolciscono   con colori accesi delle fantasie che si ispirano ad un folklore antico, alle tappezzerie dipinte a mano, all’artigianalità, alla tradizione.

Slancio verso il futuro con sapiente memoria del passato.

Cultura di un made in Italy che è patrimonio imprescindibile dai progetti futuribili di Nenah.

I capispalla sono tecnici e trasformabili ma anche tradizionali over sopra giacche.

Il tailleur ha taglio maschile e rigoroso con il pantalone o femminile, con gonne longuette a vita alta accompagnate da giacche avvitate, icone del passato.

La camiceria si muove allineata tra maschile e femminile, passato e futuro, colli rigidi, altissimi, spalle morbide, polsi importanti, tessuti no iron, dalla riconoscibilità maschile, incontrano le sete unite e fantasia, rasi, crepe de chine che arricciano e drappeggiano i volumi fluenti, mai sobri, atti a bilanciare il tratto deciso e di design di gonne, pantaloni, cappe e gilet funzionali.

Un piccolo dolcevita lingerie a pelle in cashmere e seta per “scaldare” la preziosa camiceria.